6 Ottobre: giornata del cappellaio matto. “Had Hatter Day” per celebrare la stupidità

Continua la scoperta delle giornate mondiali a tema ed il nostro #EveryDayWorldDay: oggi, 6 ottobre, è la giornata mondiale dedicata al cappellaio matto e alla stupidità, il Mad Hatter Day.

Ma cos’è la giornata del cappellaio matto? Qual è il significato di questa giornata?

Il “Mad Hatter Day” viene celebrato ogni 6 ottobre fin dal 1986, ed in America è molto simile al pesce d’aprile, poiché scherzi, stupidità e “follia” sono i temi centrali. Per entrare nel vero spirito del Mad Hatter Day bisogna invertire le convenzioni, e lasciarsi andare a tutto quello che durante il resto dell’anno potremmo definire “folle” o “stupido”.

Perché il Mad Hatter Day viene celebrato il 6 Ottobre? Che origine ha?

 

Come dicevamo, il Mad Hatter Day nasce nel 1986, da alcuni informatici sull’orlo dell’esaurimento a causa del troppo lavoro che decisero di rallentare e staccare gli occhi dal PC, ed iniziare a fare scherzi stupidi. Dopo questa sessione di svago si resero conto di quanto possa essere liberatorio lasciarsi andare alla stupidità, e di quanto poi si renda meglio a lavoro. Quindi decisero che bisognava dedicare una giornata alla stupidità.

Scelsero la data facendo riferimento alle illustrazioni di John Tenniel in “Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie“, in cui il Cappellaio Matto indossa un cappello su cui è affissa una targhetta che recita “In questo stile 10/6” (in Inghilterra il MadHatterDay si festeggia il 10 giugno)

Secondo alcuni la targhetta indica in realtà il prezzo del cappello, ma poiché il tempo è denaro, passi che interpretiamo quel 10/6 come una data!

La cosa fece in fretta il giro della rete, e nel 1988 la stampa nazionale ne parlava già.

Ma cosa fanno le persone durante il MadHatterDay?

Sostanzialmente celebrano la stupidità, in tutte le forme! Alcune persone però, soprattutto tra i giovani, prendono questa giornata come pretesto per azioni lesive verso gli altri e verso sé stessi, quando invece dovrebbe essere solo un modo carino per prendersi meno sul serio, almeno una volta all’anno.

Chissà se questa festa prenderà piede anche in Italia? Vedremo…

E domani cosa si celebrerà? Seguitemi e lo scoprirete!

Loredana Amodeo

 

Lascia un commento!

Dì la tua!