La SEO non è il pallino verde di YOAST SEO: come aumentare le visite al blog?

A cosa serve un Consulente SEO?

Essere primi su Google per determinate parole chiave è il desiderio di chiunque abbia un sito o un blog. Ma in che modo un consulente SEO potrebbe dare svolta al tuo blog?

Perché essere primi su Google per determinate parole chiave è così importante? Perché più sei in alto, meglio è ottimizzato il tuo sito/blog (SEO = Search Engine Optimizzation) e più visite riceverai dalla ricerca organica sui motori di ricerca. E un Consulente SEO è colui (o colei, nel mio caso! 😛 ) che sa come far notare i tuoi articoli a Google.

Hai un blog aziendale che fatica a farsi raggiungere? Oppure sei una blogger che vorrebbe aumentare le sue visite provenienti dalla ricerca organica? In questi casi i miei servizi SEO potrebbero fare al caso tuo. Sono una Consulente SEO e mi occupo di strategie SEO e di SEO copywriting.

Contattami

La SEO non è il pallino verde di YOAST SEO

Molti di quelli che sono poi diventati miei clienti esordiscono dicendomi che nonostante i “pallini” di Yoast SEO siano tutti verdi, il traffico continua a non arrivare. E allora spiego loro che in realtà questo utile plugin dà benefici solo ad una condizione: se la scelta della parola chiave è azzeccata.

Mi spiego: il plugin è vero che ci aiuta ad ottimizzare un articolo secondo la parola chiave che abbiamo scelto, ma con che criteri abbiamo scelto quella parola chiave? Abbiamo indagato per vedere se ciò che abbiamo scelto sia effettivamente una parola chiave che può portarci traffico perché molti utenti la googlano e perché ha una bassa competitività? Probabilmente no.

Magari quella parola chiave sulla quale abbiamo sviluppato l’articolo non viene mai cercata, e quindi ovviamente il traffico non arriva. Quindi la cosa fondamentale è intercettare quelle parole chiave che ti possano portare traffico, sviluppando un piano editoriale in base ad un’analisi sulle parole chiave che più ci sarebbero utili, in base alla nicchia e agli obiettivi da raggiungere.

La parola chiave deve avere un interessante volume di ricerca/mese, dev’essere poco competitiva (quanto meno all’inizio della strategia SEO) e deve essere scelta anche in base all’analisi dei competitors per quella data parola chiave.

E qui che c’è bisogno di un Consulente SEO. Io intervengo così:

Strategie di ottimizzazione SEO degli articoli:

1. PRIMA STRATEGIA: pianificazione di una strategia SEO e di un calendario editoriale, nonché ottimizzazione finale degli articoli su WordPress

Nell’ordine opero così:

  1. Cerco di comprendere gli obiettivi del clienti
  2. Studio una strategia editoriale
  3. Cerco di individuare le parole chiave vincenti e adatte al target del cliente
  4. Definisco un calendario editoriale in base a quelle parole chiave
  5. Fornisco al cliente il calendario editoriale con indicazioni su come sviluppare gli articoli

Dopo di che il cliente scrive l’articolo e me lo lascia in bozze su WordPress, cosicché io lo possa rivedere in ottica SEO e ottimizzarlo in base alla parola chiave che ho precedentemente fornito. Il cliente sceglie poi quando pubblicarlo.

 

2. SECONDA STRATEGIA: pianificazione di una strategia SEO e di un calendario editoriale, servizio di SEO copywriting e ottimizzazione finale degli articoli su WordPress

  1. Cerco di comprendere gli obiettivi del clienti
  2. Studio una strategia editoriale
  3. Cerco di individuare le parole chiave vincenti e adatte al target del cliente
  4. Definisco un calendario editoriale in base a quelle parole chiave
  5. Lo propongo al cliente per approvazione
  6. Carico sul WordPress del cliente degli articoli inediti, originali e SEO oriented, ottimizzati e pronti da essere pubblicati, a nome del cliente oppure no a seconda delle preferenze. Gli articoli avranno una lunghezza compresa tra 800 e 1000 parole, che è la lunghezza ideale per essere apprezzati da Google.

3. TERZA STRATEGIA: revisione e “refresh” di articoli vecchi

Chi di noi non ha post, sul proprio blog, scritti benissimo, interessanti e dalle molte potenzialità che però non hanno ottenuto i risultati che speravamo? Questi sono articoli utilissimi, che vanno ottimizzati e “rinfrescati”, come si usa dire in gergo tecnico. A volte basta modificare davvero poco e unire qualche trucco del mestiere per vedere i nostri articoli catapultati di colpo nei primi risultati della SERP.

 

IMPORTANTE

Affinché la strategia funzioni è opportuno pubblicare almeno 4 articoli al mese ottimizzati SEO, ma ovviamente più se ne inseriscono e più in fretta Google si accorge del sito e inizia a fornire traffico. Ovviamente la SEO non è solo scrivere contenuti SEO oriented: è anche sito veloce, sitemap, file robots, nofollow, link building e… tante altre cose incomprensibili ai più, che magari affronteremo in separata sede. Ma si sa: Content is King! E da qualcosa si deve pur partire.

Costi

Ovviamente i tre servizi hanno prezzi diversi.

Ma la bella notizia sai qual è?

Che ti basta un investimento minimo per fare la differenza e far sì che Google si accorga di te: i miei pacchetti partono da 100 € al mese. Certo, con 100 € al mese non trasformerò il tuo blog in quello di Aranzulla, ma ti assicuro che è possibile ottenere risultati anche con quella cifra. E la mia cliente che si è vista nei primi posti della SERP con le keywords che maggiormente le interessavano (“Blogger Mamme” e “Mamme Blogger”) te lo potrà confermare.

Valuta quindi quali sono le tue esigenze: se sei un blogger, se non hai problemi di tempo e te la senti di scrivere articoli lunghi, allora il primo metodo può essere adatto a te. Altrimenti, se vuoi darmi la completa gestione della tua strategia SEO, così che tu magari possa dedicarti al tuo lavoro, oppure a scrivere articoli “di pancia” o sponsorizzati nel caso in cui tu sia un blogger, allora la seconda soluzione sarà perfetta. Nulla ci vieta di combinare tutte le soluzioni.

Fai un investimento per il tuo blog e per la tua professione, ma fallo adesso: mi dedico a pochi clienti per volta, e in questo momento ho ancora disponibilità per seguire qualche progetto.

Contattami alla mail info[chiocciola]loredanamodeo.it oppure sul form di contatto che trovi qui sotto:

Lascia un commento!

4 thoughts on “La SEO non è il pallino verde di YOAST SEO: come aumentare le visite al blog?

Dì la tua!