Fotografo per bambini a Palermo: come si impara questo lavoro?

Il mio è un lavoro nato da una passione: ho sempre amato la fotografia, l’ho sempre studiata e osservata con riverenza, e già dal liceo, soprattutto grazie all’avvento dei cellulari con la fotocamera, ho iniziato ad approcciarmi alle foto paesaggistiche e al macro.

Poi, a marzo del 2012, sono diventata mamma: quale migliore occasione per impiegare al massimo tutto quello che avevo imparato sulla fotografia fino a quel momento? Avevo tra le braccia un esserino bellissimo, rosa, paffuto e profumato, tutto per me, ed il passaggio alla passione per i ritratti è stato automatico: ho iniziato a fotografare mio figlio, ad interessarmi alla fotografia per famiglie, ed in particolare agli shooting per bambini, e se prima ero solo il fotografo di mio figlio, piano piano divenni il fotografo per bambini della famiglia. Quella è una fase molto importante se ambisci a diventare un fotografo professionista, in quanto l’allenamento è la migliore palestra che puoi fare.

Quindi, consiglio numero 1: fotografa, scatta ad ogni occasione!

Pian piano amici e parenti, notando che le foto che pubblicavo di mio figlio diventavano via via sempre più professionali, mi iniziarono a commissionare dei servizi fotografici per i propri bambini, e book fotografico chiamava book fotografico! Il momento di svolta avvenne circa 3 mesi fa, quando mi commissionarono un servizio fuori Palermo. Caspita, il fotografo per bambini di Palermo poteva forse ambire ad uscire dal suo territorio? 😀 A parte gli scherzi, da lì ho capito che quella sarebbe stata la mia direzione (o quanto meno una delle principali, in quanto sono anche un’illustratrice ed una copywriter, e se mi seguite lo sapete già).

come-diventare-un-fotografo-per-bambini-a-palermo

Quindi, il secondo consiglio che ti do è proprio quello di creare un portfolio sul web (va benissimo anche una pagina Facebook), dove pubblicare gli scatti migliori per mostrare agli altri cosa sai fare, per ricevere consigli e per crescere da eventuali critiche.

A proposito, seguite già la mia pagina? No?! Fatelo →

Il potere del web, unito alla passione, alla competenza e al cuore (perché di cuore in questo lavoro ne serve tanto) possono farti volare alto. Ma non si deve smettere mai di studiare, di allenarsi, di cercare ispirazione.

Consiglio numero 3: individua il tuo stile e cerca di capire il tuo orientamento

Per quanto mi riguarda le foto ai neonati (newborn photography) sono quelle che preferisco: serve un molta empatia, pazienza, un modo di fare rassicurante e un’anima sensibile, perché io per il bambino che ho di fronte sono una perfetta sconosciuta che gli si piazza davanti con uno strano marchingegno nero appoggiato sulla faccia, ma la dolcezza che emanano questi scatti per me è impagabile, la tenerezza che si respira durante lo shooting ripaga da ogni fatica. Ah, credevate non fosse faticoso? Chiedetelo alla mamma ed al papà di Giulia, che durante questa sessione fotografica mi hanno vista rotolarmi per terra, assumere le posizioni più strane, asciugare rigurgiti dai miei sfondi fotografici, cantare ninne nanne e cercare audio su Youtube che contenessero i white noise per far addormentare l’instancabile Giulia!fotografo-per-bambini-a-palermo

Immortalare dei momenti così sfuggenti, che sono i ricordi più preziosi di un essere umano che diventa genitore, per me non è solo un lavoro: per me è una missione.

Se vuoi che sia io il fotografo che immortali i momenti più speciali dei tuoi bambini (nascita, battesimo, primo compleanno e smash cake, comunione, compleanno, oppure un book professionale) e vuoi richiedere un preventivo, contattami alla mail info@loredanamodeo.it, oppure sulla pagina Facebook o al numero 3928193103

Questo slideshow richiede JavaScript.

Loredana Amodeo

Lascia un commento!

Dì la tua!