Mamme e stati d’animo: quella tristezza che non ci è concessa. O sì?

Di frasi di incoraggiamento per momenti difficili qui non ne troverai. Però spero potrai riflettere su quanto a volte avere tutto sotto controllo non è ciò che realmente ci serve.

Tristezza e solitudine, insieme a rabbia e malcontento, sembra facciano parte di quegli stati d’animo non concessi alle mamme. Frasi di incoraggiamento per momenti difficili

A me non lo aveva detto nessuno che una volta diventata mamma non sarei più stata padrona dei miei stati d’animo.

Ero preparata al fatto che fare la mamma non fosse solo rose e fiori e che a volte risultasse estremamente difficile, perché i bambini richiedono pazienza, perché non sei più padrona del tuo tempo né dei tuoi spazi. Ma che non sarei più stata padrona dei miei sentimenti e dei miei stati d’animo no, non me l’ero immaginato. Non ci avevo mai pensato che quando ti ritrovi a tirare su un piccolo essere umano devi filtrare tutto, anche le tue emozioni, perché lo stai costruendo mattoncino dopo mattoncino, e i tuoi errori possono pesare come macigni, a lungo andare.

Per molto tempo ho fatto in modo che a Dario non arrivasse nessun mio sentimento negativo. Poi ho capito. Ho capito che a lui in fondo serve anche vedere cos’è la tristezza al di fuori di se stesso. Perché se impara a conoscerla forse non ne avrà paura quando gli capiterà; se vede che anche i supereroi (quali al momento siamo per lui io e il suo papà) provano quei sentimenti scomodi che lui stesso sperimenterà, forse li saprà gestire perché saprà che poi passa. frasi di incoraggiamento per momenti difficili

Tutto passa, se ci si connette con Amore. Con se stessi e con gli altri.

In quei giorni di profonda tristezza vorrai lasciarti andare, vorrai per un attimo prenderti la libertà di stare a letto senza vedere nessuno, senza parlare, senza sorridere. Ma poi farai un passo indietro, perché tuo figlio sarà lì, in piedi contro il mondo ad esigere vita, nel bel mezzo dell’entusiasmante scoperta di sé e di ciò che lo circonda; sarà lì, incurante del tempo e dello spazio, perché è in quella fase meravigliosa ed egocentrica della vita tipica dell’infanzia, dove crede che tutto sia lì e adesso, intorno a lui e per lui.

È vero, tuo figlio vuole una mamma che lo accompagni con entusiasmo in quella scoperta di sé, del  delle sue emozioni, dei suoi piccoli e grandi traguardi, delle sue difficoltà. Non può rallentare, non può aspettare, non può fare da solo. E forse a volte dovrai ridimensionare la tua tristezza, vivertela con il massimo controllo, quanto meno davanti a lui.

Non nascondergli però quando sei triste: spiegagli che nella vita capita di aver tanta voglia di piangere. Anche se si è adulti.

E non lasciarti spaventare dall’idea che lui non merita che il meglio di te. Stai facendo il possibile. Ma sei umana. E a lui serve una mamma VERA e SINCERA. Così imparerà a fidarsi anche del prossimo e delle altrui intenzioni, imparerà l’empatia.

Faccio del mio meglio, ma a volte mi perdo. Ed è lì che lui mi dimostra quanto possano essere meravigliosi i bambini, quando non mi serba rancore e mi bacia e mi ama come se non avessi mai sbagliato, come se non esistesse errore che non si possa recuperare con una carezza.

E domani è un altro giorno.

Siamo mamme meravigliose anche quando siamo del tutto lontane dalla perfezione; siamo mamme ora forti come leoni e poi fragili come cristallo; ci ritroviamo a volte a ricacciare indietro le lacrime e a posticipare il nostro sfogo, ma è proprio nel momento in cui ci lasciamo andare che insegnamo ai nostri figli che la tristezza esiste ma… ti mostro cos’è, così non ti sentirai spiazzato quando anche tu la proverai.

Ma si supera. Basta che mi dai un bacino!

Dedicato a I., una delle persone più belle che conosca, ad una Mamma Coraggio. Ad una mamma che stimo dal profondo, e che ancora una volta si dimostrerà all’altezza della situazione.

Potrebbe interessarti anche Come capire se si è stressati e come affrontare lo stress emotivo?

Dedica a mio figlio: non ho scelto io d’amarti

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su Facebook cliccando qui (per me è importante!), e raggiungimi sulla pagina, per condividere il nostro essere donne, femmine, mamme! ⇓

Lascia un commento!

2 thoughts on “Mamme e stati d’animo: quella tristezza che non ci è concessa. O sì?

Dì la tua!