Oggi è la giornata dei bambini mai nati: partecipa anche tu all’Onda di Luce

Oggi, 15 ottobre è la giornata mondiale dei bambini mai nati, e si commemorano tutte le morti in utero, gli aborti e le morti perinatali con l’”Onda di Luce”.

Per far si che una vera e propria ”Onda di Luce” attraversi tutto il globo, oggi siamo tutti invitati ad accendere una candelina e a porla sul davanzale alle ore 19.00, cosicché per tutta la giornata verrà illuminato progressivamente tutto il pianeta, un fuso orario dopo l’altro.

Chi ha vissuto una perdita tanto dolorosa sa che certi dolori non possono essere arginati da una candela che brilla per un solo giorno, ma vedere che il lutto per la perdita per un bambino ancora non nato non viene sminuito o ignorato come si tendeva a fare prima, e che finalmente viene riconosciuta anche la genitorialità di chi ha perso suo figlio prima ancora di poterlo stringere, appare come un’attenzione della comunità ed un abbraccio collettivo.

Ti accomodi un po’ imbarazzata su quel lettino, con un nodo alla gola, l’ansia che monta dentro veloce, il cuore che batte e spera. Il gel freddo ti fa trasalire, ma gli occhi non si scollano dallo schermo, per attimi che durano un’eternità. Poi vedi nero, sul monitor e dentro agli occhi del medico, nessuno sfarfallio dove prima invece c’era, e la domanda esce da sola dalla tua bocca “Non c’è più, vero?”. E lei scuote la testa, impotente e dispiaciuta.
Tu trattieni dentro come un robot tutto il dolore, ti mascheri di forza e dignità, e chiedi cosa c’è da fare adesso, senza lasciare uscire una sola lacrima. Esci ed accendi una sigaretta, tanto che conta più ormai?

A casa ti metti a letto, fai una carezza, l’ultima, a quella pancia che beffarda ha continuato a crescere, e togli la maschera, e da sola lo lasci andare tutto il dolore. E gli dai l’addio. Cancelli le app sulla gravidanza che ti comunicavano le settimane di gestazione, come se fosse un gesto urgente ed importante, riponi le vitamine lontane dalla vista, ce n’è ancora mezza boccetta. Non sei più incinta, finito il tuo stato di grazia, finita la tua breve e dolce attesa. Il cuore è di vetro, la mente di aria. I sensi di colpa e le domande senza risposta vogliono dare un peso al tuo dolore, ma niente ti solleverà se non il pensiero che comunque lui/lei aveva scelto proprio te, e chissà che non tornerà.

E passeranno le settimane, ma nel giorno della tua mancata “Data Prevista Parto” immaginerai proprio quel parto mai compiuto, quell’incontro mai avvenuto, e piangerai, forse piangerai ogni anno. (Leggi il post scritto nella mia mancata “data prevista parto”: Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma). E soffiando un bacio verso il cielo immaginerai che ci sarà qualcuno ad accoglierlo.

Sarà sempre tuo figlio anche se non lo hai mai visto, sarai sempre la sua mamma anche se non ti ha mai accarezzata.
E forse prima o poi questo basterà.

Loredana Amodeo

Lascia un commento!

2 thoughts on “Oggi è la giornata dei bambini mai nati: partecipa anche tu all’Onda di Luce

Dì la tua!